TooGoodToGo e le app per il #zerowaste che forse ancora non conosci

In un momento sempre più a tendenza “green”, dove i consumatori si schierano per la sostenibilità, il marketing non può fare altro che seguire. E se fosse un vantaggio non solo per il pianeta, ma anche per la tua attività?

Ti abbiamo parlato della sostenibilità aziendale come vantaggio competitivo (leggi qui l’articolo), ma oggi ti consigliamo qualche app per combattere lo spreco o da sfruttare come alleato per la tua attività.

Too Good To Go

Arrivata nel 2019 anche in Italia l’app per combattere lo spreco alimentare, che permette a bar, panifici, supermercati o a qualsiasi attività con alimenti freschi, di vendere, ad un prezzo che varia dai 2 ai 6 euro, delle “Magic Box” con i prodotti che altrimenti andrebbero gettati.

Vantaggio per l’ambiente, per i consumatori e anche per le attività che possono non solo ridurre l’impatto ambientale ma anche lo spreco di denaro. Lo sapevi che altrimenti un terzo degli alimenti verrebbe buttato e per di più in condizioni in cui è ancora perfettamente commestibile ma non più adatto alla vendita?
Utilizzare l’app è semplicissimo, sia per la tua attività, sia per i clienti: basterà infatti effettuare il pagamento online e ritirare la propria bag personalmente nell’orario indicato, facendo un semplice click sull’app per confermare l’avvenuto ritiro.

Manterrai comunque una reputazione alta perché i prodotti venduti saranno semplicemente vicini alla data di scadenza, quindi ancora di buona qualità, e creando degli abbinamenti piacevoli per i tuoi clienti sarai sicuro di avere delle recensioni positive e aumentare così anche la tua clientela!

Se sei perplesso dalla funzionalità dell’app, ti basti pensare che è utilizzabile anche all’estero ed è già presente in ben 15 paesi, tra cui anche gli Stati Uniti e il Regno Unito.

Junker

Si tratta di un’app gratuita per Android e iOS che ti aiuta a capire in quale contenitore buttare gli imballaggi per fare la raccolta differenziata, semplicemente usando il codice a barre dei prodotti che devi gettare. Attualmente l’app riesce a riconoscere circa un milione di prodotti e a dare consigli anche rispetto alle diverse norme del proprio comune.

L’app ti permette anche di individuare le aree di smaltimento più vicine alla tua posizione. Non avrai più dubbi!

My Foodie

Il principio è sempre quello di Too Good To Go, ridurre lo spreco alimentare, ma stavolta attraverso un’app che si occupa solamente di supermercati. Con questo strumento potrai essere costantemente aggiornato sulle offerte attive vicino a te che aderiscono all’allestimento di un’area con prodotti scontati con alimenti che si stanno avvicinando alla data di scadenza.

Zero Waste Home

Non si tratta di un’applicazione, ma di un sito che indica quali negozi nel mondo vendono prodotti alimentari e per la pulizia della casa senza imballaggi, permettendo così di evitare l’inutile spreco di plastica.

Acquistare sarà altrettanto facile: porterai con te i tuoi contenitori riutilizzabili, continuando sulla linea del zero waste!

Refill

Hai comprato una borraccia per schierarti nella diminuzione dell’utilizzo della plastica ma sei costantemente alla ricerca di zone per riempirla d’acqua gratuitamente? Ecco l’app che fa per te! Nata nel Regno Unito per individuare le zone di riempimento negli areoporti, ora è utilizzabile anche nelle città!
Ancora in crescita in Italia tant’è che è disponibile ancora solamente in inglese e con un numero ridotto di aree di refill, ma ogni utente può liberamente aggiungere le fontane che conosce. Cosa aspetti? Inizia a collaborare anche tu!

Riù Mercatino e Depop

Due app dal funzionamento medesimo, che permettono di rivendere abbigliamento, accessori e tanto altro per dare una seconda vita ai tuoi capi.

Anche queste applicazioni sono di facile utilizzo e tutti i pagamenti avvengono in totale sicurezza online, con l’intermediazione delle piattaforme che tutelano entrambe le parti. Non ti resta che caricare foto e video per mettere in mostra il tuo oggetto, inserire una descrizione onesta e accattivante e aspettare!

Bookcrossing

Per l’acquisto di libri usati avremmo da consigliarti tantissimi siti e applicazioni, perché è una pratica utilizzatissima da molti anni, soprattutto nel settore di libri scolastici o libri di edizioni passate che ormai sono introvabili e acquistabili solamente usati, ma per l’ultima parte dell’articolo citiamo una pratica, che è quella del bookcrossing.

Si tratta di adibire degli spazi pubblici allo scambio di libri usati, dove puoi recarti per lasciare un tuo vecchio libro e prenderne un altro, senza bisogno di pagare nulla. Possiamo paragonarlo a una specie di “baratto”, ma la causa è più che valida, non trovi?

 

 

Che tu voglia aiutare l’ambiente o inserire la tua azienda su una di queste piattaforme, questa era solo una lista delle essenziali da conoscere.
Se hai altri consigli per nuove applicazioni che hai trovato utili per ridurre il tuo impatto ambientale e avvantaggiare la tua azienda, segnalacelo nei commenti!

Post Correlati

Leave a comment