5 regole visual per i tuoi contenuti su social e blog

5.07.2018
|
0 Comments
||

In una strategia di content marketing di successo, le immagini e i video fanno la differenza in termini di qualità, originalità e capacità di definire immediatamente un Brand. È per questo che la scelta di un contenuto visual non dovrebbe mai essere considerata come un episodio sporadico, ma come un tassello fondamentale che richiede il rispetto di alcune regole e accorgimenti, soprattutto in un panorama social in continua trasformazione.

Oggi voglio darti 5 piccoli consigli, utili per la pianificazione della strategia visual e per decidere quale foto postare sui canali social, quale gif inserire nel calendario editoriale di Facebook o che grafica impostare per il tuo blog.

 

1. Rispetta le licenze e i copyright

Non è propriamente una regola visual, ma un passaggio da osservare rigorosamente. Le immagini che trovi su Google non sono tue, o meglio, non tutte sono utilizzabili per qualunque scopo. Se stai navigando il motore di ricerca per scovare la foto giusta, filtra i contenuti per “diritti di utilizzo“, selezionando il tuo caso specifico.

In alternativa hai due strade percorribili: produrre autonomamente il contenuto, immagine o video (l’opzione migliore), oppure consultare le piattaforme di materiale Creative Commons. Ne esistono molte, io ti consiglio PixaBay e Fotolia.

 

2. Il testo deve essere leggibile

Immagine e copy vanno spesso a braccetto. Se devi inserire del testo all’interno della tua immagine, per comunicare in maniera più diretta con la tua audience, ricordati che questo dovrà risultare leggibile. Se non lo è per te, non lo sarà nemmeno per l’utenza che lo visionerà! Anche in questo caso, Canva ti viene in aiuto per la creazione di ottimi contenuti visual da postare su WordPress, tutte le pagine social o il tuo sito ufficiale. Hai ovviamente altre alternative, ma Canva è sicuramente quella più semplice da utilizzare. Il font deve spiccare sullo sfondo che hai scelto: potresti provare a regolare l’opacità dell’immagine, rendendo così il testo più leggibile.

 

3. Prova un pattern

Il pattern è la ripetizione di elementi uguali su uno sfondo. Potresti utilizzarne uno omogeneo, stabile ma non banale, per far emergere il testo che hai scritto e al tempo stesso per attrarre visivamente il lettore. Quelli geometrici vanno per la maggiore, ma anche quelli naturalistici non scherzano! Anche in questo caso, prova a sfumarlo, regolando l’opacità.

 

4. La regola dei terzi

Una regola che fa riferimento alla pratica fotografica. Di cosa di tratta? Ipotizziamo di tracciare due rette parallele in orizzontale e verticale sulla foto che hai appena scattato. Si creano i 4 intersezioni che rappresentano i punti in cui si focalizza maggiormente l’attenzione dell’utente. Per questo motivo, si tende a concentrare i punti di forza dell’immagine in queste specifiche porzioni. Come si vede nell’esempio sottostante, la ragazza è posizionata proprio su un punto di forza, così come la linea delle colline.

 

5. Avvicinati, non zumare!

Se vuoi una foto ravvicinata di un soggetto, è sempre meglio avvicinarsi piuttosto che utilizzare lo zoom. Certo non sempre è possibile, ma i fotografi sanno bene se si vuole ingrandire, la base di partenza deve essere di qualità. Devi avvicinarti, fare dei passi concreti verso il soggetto che devi catturare. Potresti anche accorgerti di nuovi dettagli che ti erano sfuggiti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *