Calendario editoriale: cos’è e quali sono i migliori tool per realizzarlo


Che tu sia un blogger, un web writer, un giornalista o un social media manager, hai bisogno di uno strumento che ti aiuti a calendarizzare le tue pubblicazioni online e offline per non ricadere nei contenuti “tappabuchi” di bassa qualità. Ecco qui alcuni tools che potrebbero aiutarti!

Differenza tra piano e calendario editoriale

Un piano editoriale è una strategia che ti permette di capire COSA pubblicare e PERCHÉ. Si tratta di una fase di analisi degli obiettivi, del contesto, dei competitors e del target a cui vuoi comunicare.

Lo step successivo, quando hai già creato il tuo piano editoriale, sarà di calendarizzare tutto, scegliendo in anticipo le date, gli argomenti, i titoli secondo le ricerche SEO e l’orario di uscita.
Il calendario ti servirà per monitorare tutte le pubblicazioni ed essere sicuro di preparare il materiale in anticipo, potendo poi dedicare del tempo a monitorare i risultati dei tuoi post o articoli. Rileggi i vecchi titoli e gli argomenti già trattati ed evita la monotonia per due motivi:

  • Potresti annoiare l’utente non fornendo nuove informazioni
  • Rischi che i tuoi articoli si “mangino” a vicenda come risultati delle ricerche organiche

Quanto pubblicare?

Non c’è un numero perfetto di pubblicazioni da fare, dovrai trovare la tua dimensione all’interno del tuo pubblico. Usa il calendario editoriale per essere costante e puntuale, diventando una certezza per chi ti legge.
Inoltre, avendo sott’occhio tutte le pubblicazioni, potrai intervallare articoli più specifici, con altri che rispondono a domande calde nella community, con altri ancora che promuovano la tua attività, creando un’alternanza perfetta.

Quali tools utilizzare

Innanzitutto, usa dei tools per trovare le parole chiave adatte a darti gli spunti per gli argomenti più ricercati online, usando Ubersuggest, Answer The Public, Keyword Planner e simili. Fai un check ulteriore con Google Trends e vedi se è il momento di pubblicare o se è meglio aspettare un altro momento dell’anno.

Prima di iniziare ricordati di stabilire la frequenza di pubblicazione, scegliere le piattaforme su cui ti muoverai e di adattare ad esse i contenuti. Inoltre, crea una cartella dove inserire tutte le idee che potrai utilizzare in futuro. Fatto? Allora procediamo.

Ecco alcuni tools che sono perfetti per creare il tuo calendario editoriale:

  1. Google Calendar, è lo strumento perfetto soprattutto perché crea inclusione con eventuali altri collaboratori o aziende attraverso i calendari condivisi. Potrai avere sotto controllo tutti i calendari editoriali, sia settimanali che mensili, in una sola piattaforma. Molto semplice da utilizzare sia da smartphone che da pc e può anche essere incorporato sulla tua pagina web
  2. Trello, ideale sia da desktop che da mobile. Si basa su tre elementi fondamentali: la board, le liste e le cards. Potrai avere tutto organizzato e sotto controllo, senza perderti nemmeno un’idea che ti è passata per la testa, inserendo oltre ai post anche una data entro cui vuoi aver terminato la loro ideazione.
    È particolarmente adatto perché vede ogni attività come una serie di progetti da sviluppare e puoi inserire i membri del team e sapere quando hanno completato una determinata attività, oltre a mettere le cose da fare in un arco temporale più o meno lungo. Può inoltre essere facilmente integrato con Google Calendar, Google Drive, DropBox ecc.
  3. Evernote, è un’app che ti consente di tenere traccia di tutto ciò che pubblichi e ti permette di scattare delle foto e salvare dei file direttamente al suo interno così da poterli utilizzare in seguito per le future programmazioni
  4. Content DJ, è un ottimo strumento per controllare i processi di scelta dei contenuti e monitoraggio degli articoli più di tendenza per gli argomenti di interesse della tua nicchia, così da capire quando e se pubblicarli
  5. Excel, già noto per l’utilità nella creazione di report e analisi dei dati, può essere usato anche come calendario editoriale, avendo una visione a 360° della tua intera attività

Sei più tradizionalista e vuoi usare la carta? Va benissimo, assicurati però di poter avere tutto sotto controllo magari scegliendo un quaderno o un’agenda di medie/grandi dimensioni, così da contenere il mese su due facciate vicine.

 

E tu, hai altri tools da suggerire? Faccelo sapere nei commenti!

Post Correlati

Leave a comment