Linkedin si aggiorna: nuove funzionalità per le pagine aziendali

20.11.2018
|
0 Comments
||
profilo linkedin ottimizzato

I social network devono agevolare l’interazione. Tutti. Anche Linkedin, che propriamente nasce come piattaforma destinata alla sfera business. Ecco spiegate le ragioni del nuovo aggiornamento, destinato non solo a facilitare la creazione di engagement, ma anche a partecipare alle conversazioni rilevanti dalla pagina dell’attività. Un rinnovamento interessante che aiuterà le aziende a migliorare la propria presenza su questo social. Vediamo in cosa consiste. 

Più condivisioni da mobile

Prima di tutto, grazie al nuovo aggiornamento, le funzionalità di gestione e pubblicazione delle pagine di Linkedin sono definitivamente integrate nell’App mobile. Crollano le numerose e fastidiose limitazioni per l’amministrazione da dispositivi mobili: anche la semplice pubblicazione di contenuti da smartphone risultava un procedimento quasi impossibile. Gli admin delle pagine avranno adesso pieno controllo del calendario editoriale, mantenendo più costante la presenza dell’azienda su Linkedin.

Facilitazioni nella condivisione, ma anche nell’ascolto della propria audience di riferimento. Per migliorare la relazione tra i brand e il target, Linkedin afferma che “gli amministratori ora possono associare le proprie pagine agli hashtag, in modo da poter intervenire e rispondere alle conversazioni che riguardano direttamente il marchio o argomenti rilevanti”. Importante anche l’introduzione dei “Contenuti suggeriti“, dove si raccolgono i trend topic del momento e sempre in linea con proprio pubblico.

Come si intuisce dall’immagine sottostante, è adesso possibile ottenere una sorta di rassegna stampa su temi che interessano il brand, filtrati per settori lavorativi, Paese e altri parametri. Una bella novità.

 

Nuove forme di engagement

Linkedin ha inoltre implementato le tipologie di contenuti che gli amministratori possono caricare. Da adesso avremo modo di condividere documenti attraverso la piattaforma, come annunciato dal social stesso: “Gli admin hanno avuto da sempre la possibilità di postare immagini, video e testi sulle proprie pagine aziendali di Linkedin, ma ora possono condividere documenti, come le presentazioni in Power Point, file di Word e PDFs per raccontare storie più dettagliate e coinvolgenti”.

L’ultima novità è quella più controversa. Grazie a questo rinnovamento, direttamente dalle pagine di brand sarà consentito ricondividere i post pubblici dei dipendenti. Questa opzione può forse non piacere a chi lavora per voi, ma una recente ricerca ha dimostrato come questi post generano engagement fino ad 8 volte di più dello stesso contenuto postato dai datori di lavoro e direttamente dall’azienda.

Insomma, rispondere e rilanciare qualunque post in cui sia menzionato il brand è oggi molto più semplice ed immediato. Nonostante non possieda i numeri di Linkedin e Facebook, Linkedin si conferma il miglior social network per generare interazione in ambito lavorativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *