Instagram Reels: la sfida a TikTok è aperta

Il 5 agosto 2020 Instagram ha lanciato una nuova funzionalità: Instagram Reels, che permette la creazione e il montaggio di mini-video della durata di 15 secondi in formato stories.
Sembra qualcosa di già visto su altre piattaforme, non credi?

TikTok farà la fine di Snapchat?

Ricorderai sicuramente quanto accaduto qualche tempo fa a Snapchat , applicazione che da sempre si era distinta per la presenza di contenuti di durata limitata. Questa funzionalità è stata imitata (per non dire “copiata”) da Instagram con il lancio delle Stories, provocando una fuga di iscritti dal famoso social del fantasmino e riportandoli sulla piattaforma del circuito Facebook. Ora, la stessa strategia è stata schierata contro un altro grande rivale: TikTok, applicazione che ad oggi ha raggiunto 1,5 milioni di download.

Ma perché gli utenti lasciano un’app dove si trovano bene? Semplice, perché ora tutto quello che cercano sarà reperibile all’interno di un unico social, senza bisogno di dover ricorrere a strumenti esterni per montare i video o per creare contenuti in lip sync, come prima accadeva. Sarà stata una brillante strategia o i fedeli tiktoker rimarranno tali? Staremo a vedere.

Attualmente, Instagram Reels, dopo un periodo di prova in Brasile (paese scelto sempre per i test, poiché presenta il più alto numero di utenti iscritti e una buona propensione culturale alla creazione di contenuti musicali), ora è stato lanciato in 50 paesi, tra cui l’Italia.

Come creare i Reels

Dalla home di Instagram, scorrendo verso destra per entrare nella schermata di creazione stories, troverai subito un nuovo pulsante, il ciak giallo e rosa dei “Reels”.
Questi video, una volta ultimati, possono essere inviati singolarmente nelle chat come messaggio privato, condivisi ad una cerchia di amici più stretti, oppure pubblicati nel proprio profilo in una sezione dedicata.

I Reels compariranno anche nella sezione Esplora, ma non preoccuparti, i tuoi contenuti rispettano le tue impostazioni di privacy, quindi se il tuo profilo è privato, anche i tuoi Reels lo saranno! Questa mossa permette anche ai più riservati di interagire attraverso questo genere di contenuti, al contrario di quanto accade su TikTok, il social preferito dalla generazione Z, in cui i video sono pubblici e hanno lo scopo di essere resi il più virale possibile, tanto da comparire nella sezione “Per Te”, cioè una raccolta di video di altri utenti, anche sconosciuti, che l’algoritmo ha rintracciato in quanto simili ai tuoi interessi.

Ora passiamo ai Reels: come realizzarli? Ecco gli strumenti fondamentali per la creazione del tuo video:

  • Musica
  • Filtri per la realtà aumentata
  • Timer e countdown
  • Allinea
  • Velocità

Una volta entrato nella schermata per la creazione dei Reels, potrai decidere che tipo di contenuto creare, se un lip sync, un video parlato, un video di danza o altro, passando poi alla selezione dei filtri per la realtà aumentata, esattamente come nelle stories e decidendo la velocità di riproduzione dei brani che sono scelti per te dall’app, secondo i tuoi gusti, oppure cercati manualmente nel browser.
Puoi decidere anche di lasciare il tuo audio originale, così che altri utenti lo possano utilizzare per creare i loro contenuti e magari far aumentare le visite al tuo profilo!

Esattamente come su TikTok, comparirà uno strumento timer con il conto alla rovescia per iniziare a registrare il video. Sarai tu poi a scegliere la velocità di registrazione e le pause, così da poter effettuare delle transizioni fluide, grazie anche alla presenza del tool “allinea” che potrai usare per iniziare il video successivo esattamente da dove avevi terminato il precedente.

I nostri consigli.. su Misura

  1. Molti utenti ancora utilizzano TikTok per ricevere ispirazione per la creazione dei propri Reels. Ancora per qualche tempo le regole saranno dettate dall’altra piattaforma, poi chissà! Puoi utilizzare anche tu questa tattica.
  2. Se stai creando dei video informativi, ricordati di inserire una scritta ben visibile in alto, così che, anche senza audio attivo, si capisca di cosa parlerai nel video e potrai catturare qualche nuovo utente che altrimenti scorrerebbe.
  3. Hai deciso di inserire i Reels nella tua strategia di comunicazione? Ricordati di seguire i trend ma anche di effettuare video di qualità (con buone transizioni, una buona luce, ecc.) e rispettare il tuo tone of voice del profilo. È vero che questi mini-video verranno mantenuti in una sezione diversa nel tuo profilo, ma dovrai sempre essere riconoscibile dal tuo pubblico!

Hai già iniziato ad includere i Reels nella tua strategia di comunicazione? Faccelo sapere nei commenti!

Post Correlati

Leave a comment