Food & Beverage su Instagram: qualche trucco per emergere

24.10.2018
|
0 Comments
||

Che Instagram sia il social più in forma del momento è ormai cosa nota. Da un’analisi condotta qualche anno fa sui settori che maggiormente investono sulla piattaforma è risultato che quelli “Food” e “Beverage” insieme rappresentano circa il 30% del campione (492 account di aziende italiane). Se il tuo business rientra in queste categorie, la tua presenza su questo social è praticamente obbligatoria, anche alla luce degli ultimi aggiornamenti che lo hanno reso sempre più sofisticato nelle analytics, più stuzzicante con le Stories e convertibile con gli shoppable Instagram post. Vediamo, allora, alcuni suggerimenti che potresti seguire per crescere sulla piattaforma e aumentare l’engagement.

 

1. Trova uno stile unico

Un’immagine riconoscibile e consistente è fondamentale, indipendentemente che tu stia gestendo l’account per una azienda o per espandere l’audience del tuo blog. Devi avere chiaro il tuo obiettivo di business, il messaggio che intendi comunicare e soprattutto il tuo target di riferimento. Se sei un/a food blogger, e magari recensisci ristoranti e bar, il tuo tono di voce dovrà essere differente da quello di un brand che si sta rivolgendo a potenziali clienti o stakeholders.

Un’immagine aziendale è fatta anche di consistenza. Perciò dovrai identificare e seguire un filo conduttore che leghi i post del tuo feed, per armonizzare le pubblicazioni e non spiazzare i “seguaci” con contenuti che non si aspettano. Puoi puntare sul soggetto della foto, sui filtri, sugli schemi di colore o sullo stile dei tuoi sfondi.

Qualche settimana fa, ho scovato il profilo “Eat my advice“, gestito da una giovane food blogger. La creazione è recente, ma mi ha colpito per lo stile grafico che regola tutte le pubblicazioni. Dateci un’occhio: ogni riga presenta un singolo locale “testato”, destinando la prima immagine ad un copertina (realizzata probabilmente con Canva), la seconda ai cibi e bevande assaggiati e l’ultima ad alcuni scatti del design del locale. Semplice, unico e brillante.

 

2. Qualità, qualità e ancora qualità

Sembra scontato, ma le fotografie improvvisate, senza filtri o editing, danno spesso l’impressione di poca professionalità. La qualità delle foto va curata in modo quasi maniacale, sia perché siamo su Instagram, social visuale per eccellenza, sia perché il settore “Food & Beverage” si presta particolarmente bene alla ricerca del dettaglio e alla resa dei colori perfetta. Se possiedi un locale, mostra con orgoglio l’attenzione nel realizzare e presentare i tuoi piatti, condividi una veduta suggestiva o testimonia la buona riuscita di un evento che hai organizzato.

Dedica del tempo alla fase di styling, cerca la combinazione perfetta tra colori e forme in modo tale da trasmettere anche sapori e odori ai tuoi follower. Fagli desiderare di assaggiare le tue proposte. I minuti che dedichi a questo momento sono ben spesi! Nell’esempio sottostante, possiamo ammirare la cura dello Chef Angyal Péter!

 

3. Punta forte sulle Stories

Le Stories sono contenitori ideali per gli scatti spontanei o per le scene del backstage. Puoi includere brevi filmati che mostrino il lavoro dietro le quinte: la mis en place, la ricezione delle materie prime (magari esaltandone freschezza e qualità), la scelta del menù del giorno e via dicendo. Correda le foto con gli hashtag più idonei, il luogo e la data, e avrai creato un contenuto di tendenza e di grande engagement. Punta sullo storytelling e dai continuità alle tue pubblicazioni!

Per il resto, dai sfogo alla fantasia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *