Campagne Facebook Ads: meglio pagare CPC o per impression?

28.06.2018
|
0 Comments
||
Campagne Facebook Ads

Quando impostiamo una campagna di sponsorizzazione su Facebook, possiamo decidere tra due opzioni di pagamento differenti:

  1. per impression: ossia il numero di volte in cui l’annuncio appare nella feed dell’utente
  2. per click: l’addebito viene effettuato solo in caso di cliccata sul link del post sponsorizzato

 

Vediamo quale dei due metodi può considerarsi migliore e per quali tipologie di campagne.

Impostare la tipologia di addebito

CPC o impression? Ci troveremo davanti a questa scelta esclusivamente nel caso di campagne “di traffico” (una delle più frequenti) o “di installazione di App”. Prendiamo, ad esempio, un’ipotetica sponsorizzazione per dirottare gli utenti dalla nostra fan page al sito ufficiale.

Nell’immagine sottostante ne vediamo un esempio:

 

Alla voce “frequenza degli addebiti“, possiamo decidere quando vogliamo che Facebook ci addebiti un costo, in qualità di inserzionisti. Il CPC (click sul link) è disponibile solo nel caso di budget giornaliero minimo di 5 euro, oppure per un costo totale sufficiente a generare una media quotidiana di questo importo. Se fossimo intenzionati a spendere meno, non avremmo la possibilità di scegliere questo metodo di pagamento.

Qualche riga più in alto, compare “ottimizzazione per la pubblicazione dell’inserzione“: non riguarda l’addebito, ma semplicemente l’obiettivo che vogliamo conseguire e l’ottimizzazione che l’algoritmo di Facebook svilupperà per raggiungerlo. Nell’immagine è impostato su “click sul link”, per mostrare l’annuncio a quegli utenti che hanno maggiore probabilità di cliccarlo.

Addebito per CPC

Paghi esclusivamente in caso di click sul link. È sicuramente l’opzione che garantisce il miglior controllo sulla campagna e meno sprechi. Se nessun utente clicca sul post, Facebook non addebita nessun costo, a differenza dell’opzione “per impression” in cui avviene semplicemente quando l’inserzione viene vista (spesso perdendosi nelle feed intasate da video di gatti…).

Tuttavia, se hai tra le mani una campagna per performa molto bene in termini di click, il CPM (costo per mille persone raggiunte dall’inserzione) potrebbe risultare più alto rispetto a quello che sarebbe stato settando l’addebito “per impression”.

Solitamente, quando si dispone di un budget relativamente basso (che limita i test A/B), questa opzione è preferibile, ricevendo l’addebito solo quando l’utente clicca sul tuo link.

Addebito per impressione

Come già accennato, paghi quando l’annuncio viene visualizzato, indipendentemente dalla qualità della performance. Quindi, se l’annuncio creato non genera alti livelli di interazione in termini di clic, ci troviamo davanti ad una situazione di spreco di danaro. In poche parole: il post viene visto, ma per svariati fattori (poco interesse per il prodotto/servizio, copy non accattivante…) gli utenti non cliccano sul link, l’obiettivo della campagna, facendoti pagare ugualmente.

Tranquillo, c’è sempre il rovescio della medaglia. Ad esempio, hai creato un ottimo annuncio, con l’immagine adatta, ottimizzata, accompagnata da un testo con appeal pazzesco, e riceve numerosi clic. In questo caso stai pagando per impression, pur ricevendo numerose cliccate. Cosa vuol dire? Che quelle interazioni hanno un costo nettamente inferiore a quello che sarebbe stato settando l’addebito “per CPC”.

Se hai un buon budget, che ti consente di fare test, ottimizzare l’annuncio più di una volta e dare spazio alla creatività, questa opzione è la migliore (potresti risparmiare molto denaro, ottenendo comunque molti clic!).

E quindi?

Prima di dare una risposta definitiva (spoiler alert: non esiste!), premetto che Facebook “predilige” l’addebito per impression.

Perché? Se hai settato il pagamento “per clic”, ma la tua campagna performa male, FB non riuscirà a guadagnarci niente (e corri il rischio che la blocchi). Va da sé che la piattaforma preferisca incassare dalle visualizzazioni, indipendentemente dalle interazioni sul link.

Concludendo, se devi creare una campagna di traffico e possiedi un budget adeguato (premessa sempre consigliabile), prova a cercare l’ottimizzazione migliore settando l’addebito per impressioni. Potresti ottenere un buon risparmio di denaro, raggiungendo comunque l’obiettivo.

Ma come anticipato, una risposta definitiva e generale non può essere data!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *